Blog Post Le risorse naturali non sono infinite!


Ago

2

2016

Le risorse naturali non sono infinite!

Visita la nostra pagina: facebook.com/acquaponica/

Title

Tratto da “Dalla sofferenza alla gioia” di Mario Thanavaro
L’uomo civilizzato, pur considerandosi la specie più evoluta, preferisce vivere in un abitat artificiale come le grandi città e per farlo distrugge incurante la natura che lo circonda.Mozambico2010-_risorse_naturali_Gilè_e_Pebane-_contesto-COSV_(6) Le risorse naturali non sono infinite! Stiamo distruggendo quanto di più prezioso abbiamo. La crisi contemporanea continuerà ad aggravarsi finché non cambieremo modo di pensare al nostro futuro. Dobbiamo uscire dalla spirale dell’entropia ed andare in un circolo virtuoso grazie al pensiero sintropico che richiede l’ascolto della voce del cuore: il buon senso, ritrovare il senso della misura promuovendo un modello sociale e culturale di rispetto nei confronti del pianeta e di tutti gli esseri viventi che lo abitano. Bisogna riscoprire il piacere di una vita semplice, in armonia con gli altri esseri senzienti del pianeta. Alcuni obbiettano che senza avidità non c’è sviluppo, ma c’è da chiedersi: “Non è forse meglio una decrescita piuttosto che una corsa produttiva senza regole né etica verso il baratro e il collasso?”. La finanza non può più regolare la vita di tutti noi. La crescita economica non può più essere a carico delle fasce più deboli e a vantaggio di pochi circoli di ricchi e potenti che vogliono dominare la terra. Dobbiamo capire che un fattore di crescita importante è la capacità di coesione è convivenza civile. recycle-1000785_960_720Occorre far crescere la cultura della fiducia e della solidarietà, promuovere la condivisione delle ricchezze e delle risorse energetiche del pianeta a vantaggio dell’intera comunità umana. Mi rendo conto che ciò richiede la rinuncia a tanti privilegi e grandi sacrifici, magari a discapito del nostro attuale benessere economico, ma è l’unica soluzione alle problematiche che coinvolgono l’intera umanità. Senza rispetto di ciò che regola la vita non si va da nessuna parte. Personalmente sono fiducioso, perché noto che sono già in atto dei processi di radicale cambiamento personale e collettivo, un cambiamento fatto di piccoli e graduali momenti di apertura dell’orizzonte. In ognuno di noi può crescere la consapevolezza che l’umanità è un’unica famiglia. Solo con un salto di coscienza possiamo salvarci. …
Tratto da “Dalla sofferenza alla gioia” di Mario Thanavaro
Scopri cosa è l’Acquaponica

Ti piace l’Acquaponica: Chiedi un preventivo

Visita la nostra pagina: facebook.com/acquaponica/