Blog Post L’ Acquaponica è il futuro dell’orticoltura in Europa


Giu

23

2016

L’ Acquaponica è il futuro dell’orticoltura in Europa

Richiedi un preventivo: LINK
  pomodori 1

L’Acquaponica è un modo efficace di produrre alimenti di alta qualità senza effetti collaterali sull’ambiente circostante. Il progetto INAPRO si propone di innovare l’ Acquaponica per renderla economicamente sostenibile e sostenere il cambiamento verso un sistema di produzione alimentare più sostenibile.

Uno dei motivi principali per cui l’ Acquaponica non è diffusa in Europa, è la mancanza di un quadro giuridico chiaro che rende difficile per gli imprenditori investire nel settore. INAPRO vuole sensibilizzare sui meriti dell’ Acquaponica incoraggiando i responsabili politici europei a prendere in considerazione di legiferare su questioni rilevanti.

La scorsa settimana, il Parlamento europeo ha adottato a larga maggioranza una relazione dal titolo “Soluzioni tecnologiche per un’agricoltura sostenibile in UE” redatta dal suo membro del Regno Unito Anthea McIntyre. La relazione affronta molte questioni importanti legate all’ulteriore sviluppo dell’agricoltura in maniera sostenibile. Il settore agricolo è chiamato a rispondere alla crescente domanda globale di cibo sano, sicuro e nutriente senza esaurire o deteriorare risorse naturali scarse come il suolo e l’acqua. Al fine di soddisfare questa aspettativa, molti problemi devono essere affrontati; per esempio, la relazione afferma che il settore agricolo rappresenta il 70% del consumo di acqua mondiale e impiega grandi quantità di fertilizzanti che hanno un impatto negativo sull’ambiente. Allo stesso tempo, i cambiamenti climatici e il riscaldamento globale continua a minacciare la sicurezza alimentare mondiale.

serra 2

Le tecnologie innovative possono giocare un ruolo cruciale nel rispondere a queste sfide, ma devono essere debitamente valutate, incentivate e diffuse. I partner INAPRO incontrano la signora McIntyre e altri deputati interessati per presentare il progetto e sensibilizzare l’opinione pubblica sull’Acquaponica. Diversi deputati hanno trovato il progetto molto promettente e, di conseguenza, l’Acquaponica è stata apertamente menzionata nella relazione, nel capitolo dedicato alla ricerca e le priorità di finanziamento. Infatti, la relazione afferma che “[Il Parlamento europeo] ritiene indispensabile che la Commissione e gli Stati membri sviluppino progetti che si concentrano sullo sviluppo di pratiche agricole più efficienti e varietà di colture, comprese le varietà locali specializzate, finalizzate alla conservazione e il miglioramento della fertilità del suolo e lo scambio di nutrienti, soprattutto data la crescente scarsità di disponibilità di acqua e di alcuni componenti chiave di fertilizzanti come il fosfato; invita la Commissione a dare priorità agli investimenti nell’economia circolare e pratiche agricole rispettose del clima, con adeguati incentivi di finanziamento per la ricerca e utilizzo da parte degli agricoltori; sottolinea che i meriti dell’Acquaponica, il ciclaggio chiuso dei nutrienti, l’agro-ecologia, tra cui l’agroforestazione, l’agricoltura di conservazione e gestione sostenibile delle foreste, sapropel, catene di alimentazione brevi, il pascolo e la produzione a basso input dovrebbero essere debitamente valutati, divulgati e incentivati[1]”.

Non è la prima volta che una relazione del Parlamento europeo parla a sostegno dell’ Acquaponica e del suo potenziale. L’Acquaponica è stata già nominata in un’altra relazione redatta dalla sig.ra McIntyre su “Il futuro del settore dell’orticoltura in Europa – strategie di crescita [2]” adottato dal Parlamento europeo nel 2014.

La relazione riconosce che il settore europeo orticoltura fornisce un grande contributo all’economia, alla creazione di posti di lavoro e alla sicurezza alimentare. Il settore frutta e verdura rappresenta il 18% del valore totale della produzione agricola nell’UE, mentre usa solo il 3% di tutte le terre coltivate. Inoltre, la relazione sottolinea che le colture orticole sono molto colpite da carenza idrica e dal cambiamento climatico e sottolinea che la ricerca, l’innovazione e l’efficienza delle risorse sono fondamentali per far prosperare questo settore. L’ Acquaponica è menzionato come un sistema sostenibile per la produzione alimentare locale che contribuisce a ridurre il consumo di risorse.

Anche se non è un atto giuridicamente vincolante, un altro documento che merita di essere menzionato è una pubblicazione preparata dal Parlamento Europeo, Sezione Valutazione Opzioni tecnologiche e Scientifiche, che elenca l’Acquaponica tra le 10 tecnologie che possono cambiare la nostra vita. Lo studio riconosce il potenziale dell’Acquaponica e la descrive come “un’opportunità per produrre cibo in modo più economicamente ed ambientalmente sostenibile con prodotti coltivati con un basso livello di risorse di ingresso [3]”.pomodori 3

Content

[1] http://www.europarl.europa.eu/sides/getDoc.do?type=TA&reference=P8-TA-2016-0251&format=XML&language=EN
[2] http://www.europarl.europa.eu/sides/getDoc.do?pubRef=-//EP//TEXT+REPORT+A7-2014-0048+0+DOC+XML+V0//EN
[3] http://www.europarl.europa.eu/EPRS/EPRS_IDAN_527417_ten_trends_to_change_your_life.pdf  
Richiedi un preventivo: LINK